Dorayaki, il dolcetto preferito da Doraemon

dorayaki

Chi si ricorda di Doraemon? Lo strambo gattone robot proveniente dal futuro,protagonista di un manga (pubblicato dal 1969 al 1996) dal quale è tratta la nota serie animata andata in onda In Italia, per la prima volta, nel 1982 su Raidue. Due caratteristiche lo contraddistinguono: una tasca quadrimensionale (il gattopone) dalla quale estrae gadget di ogni tipo, chiamati ciusky, e l’amore per i dorayaki, dolcetti giapponesi simili ai pancake.

doraemon cartoon

Doraemon non mi ha mai fatto impazzire, anzi a volte lo trovavo particolarmente irritante, ma pensare a questo cartone animato mi fa tornare indietro nel tempo.

Forse per questo (o perché sono molto goloso? Chi lo sa) ho deciso di preparare i dorayaki, ma con una variante.

Dorayaki all’italiana

Come dicevo ricordano molto i pancakes, per forma, impasto e metodo di preparazione. Nella versione originale vengono farciti con l’anko, una salsa dolce di fagioli rossi, ma vista la difficoltà nel reperirla ho optato per una classica crema di nocciole. E no, non parlo della Nutella che ho oramai abolito vista la quantità di schifezze che contiene, ma della Nocciolata Rigoni. Ne avevo sentito parlar bene da più persone e questa era l’occasione migliore per assaggiarla.

Ingredienti

2 uova, 50 grammi di zucchero, 100 grammi di farina 00, 1 cucchiaio di miele, 1 cucchiaino di lievito per dolci istantaneo, crema di nocciole Rigoni quanto basta.

In una ciotola ho versato le uova e aiutandomi con la frusta le ho amalgamate allo zucchero. Successivamente ho aggiunto la farina mescolando fino a creare una pastella fluida. A questo punto non mi è rimasto altro che incorporare il miele e il lievito per dolci.
Il composto così ottenuto va fatto riposare in frigo per una mezz’ora.

pastella per dorayaki

Successivamente ho fatto scaldare una padella antiaderente (non serve ungerla di burro o olio) e versato la pastella evitando di spanderla, si allargherà da sola. Appena compariranno delle piccole bollicine bisognerà girare la “frittella”, usando una spatola.

dorayaki cottura in padella

Il retro va lasciato cuocere per una trentina di secondi.

La farcitura con la crema di nocciole va messa sul lato chiaro per poi coprirla con una seconda “frittella”. A questo punto non resta che mangiare i nostri dorayaki.

dorayaki dorayaki doraemon

Comments

comments

About Andrea Murales 160 Articles
Mi occupo di grafica e web design da un decennio. Da un paio di anni mi sono avvicinato al mondo della scrittura online, come web writer e content editor. Mi reputo fortunato per aver trasformato in lavoro due grandi passioni.

4 Commenti

  1. Stavo per imprecare di voglia feroce, perchè non mi hai neanche invitata, ma pensandoci si fanno in fretta, me li preparo da sola, siccome sei un avaraccio.
    Quanti ne vengono con questa dose? 🙂

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*