Librandi Asylia rosso di Calabria

Librandi Asylia rosso

Un legame profondo unisce la famiglia Librandi alla terra. Viticoltori da generazioni fanno delle tradizioni, e delle regole seguiti dai loro avi nella produzione di vino, una priorità. Anche per questo Librandi resta un’azienda a gestione familiare pur avendo una produzione considerevole in termini di bottiglie destinate alla distribuzione regionale e nazionale.

Da non sottovalutare nemmeno la vendita all’estero che vede nella Germania uno dei migliori mercati con quasi il 40% del prodotto esportato.

La struttura dedicata alla produzione viene realizzata nel 1950 a Cirò Marina (KR), cittadina della fascia ionica calabrese in prossima di Punta Alice, il promontorio meridionale del golfo di Taranto. Una zona da sempre votata alla coltura della vite grazie alle favorevoli condizioni climatiche e al terreno argilloso che ben si presta per questo tipo di coltivazioni.

Librandi Asylia rosso

Rispetto alla maggior parte dei Cirò presenta caratteristiche differenti, a partire dal colore rosso rubino, trasparente e luminoso. La profumazione gradevole e tenue ricorda vagamente il lampone e la ciliegia accompagnati da un vago sentore di frutti di bosco e mirtilli.

L’assaggio fa emergere ancora una volta la differenza con la maggior parte dei vini calabresi: la robustezza classica del Cirò è messa da parte a favore di sapori suadenti e delicati come petali di rose. La presenza di tannino è leggera e questo rende il Librandi Asylia rosso un vino dalla grazia femminile, molto gradevole al palato e con la giusta dose di sapidità e morbidezza che lasciano in bocca una piacevole freschezza.

Per queste caratteristiche risulta duttile e facilmente abbinabile a pietanze diverse come ragù di carne e salumi, ma anche secondi piatti a base di carni bianche.

Consiglio di berlo giovane per apprezzare a pieno il gusto fruttato e fresco, ma si può comunque consumarlo da uno a tre anni dalla data di imbottigliamento, senza che il gusto risulti intaccato nelle caratteristiche.

librandi asylia rosso cirò

Il vitigno

Per la produzione del Cirò è utilizzato un vitigno autoctono, il Gaglioppo detto anche principe nero. Varietà robusta e resistente caratterizzata da una buona e costante produzione di uva mediamente zuccherina, dai grandi grappoli dal colore viola intenso. Questa è senza dubbio la varietà più diffusa in Calabria ed è la componente principale di tutti i rossi Doc della regione. Il Gaglioppo si trova anche nelle Marche, in Campania, in Umbria e in Sicilia,ma in quantità decisamente limitate

Librandi Asylia rosso è un vino ottimo adatto a tutti i palati specie a chi non è abituato al gusto corposo e forte,dall’alta gradazione alcolica, tipico di gran parte dei vini calabresi.

Merita sicuramente un assaggio!

Comments

comments

About Andrea Murales 153 Articles
Mi occupo di grafica e web design da un decennio. Da qualche anno mi sono avvicinato al mondo della scrittura online, come web writer e content editor.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.