Pasta al forno con gorgonzola e mozzarella

E’ sabato, ho voglia di pranzare con qualcosa di sfizioso, ma non mi va di andare a far la spesa anche perché ho già parecchia roba a casa.
Come al solito mi tocca inventare utilizzando quello che trovo in frigo.

Vista la disponibilità di abbondanti porzioni di gorgonzola,scatta subito l’idea: una versione “alternativa” della pasta al forno.

INGREDIENTI PER TRE/QUATTRO PORZIONI
300 gr di pennette rigate.
200 gr. di polpa di pomodoro.
60 gr. di gorgonzola piccante.
30 gr di mozzarella
Parmigiano e pan grattato quanto basta.

Tempo di realizzazione: quaranta minuti circa. – Difficoltà: bassa.

Preparazione.
La prima cosa da fare è cuocere il sugo, allungandolo con acqua e senza farlo restringere troppo.
Nel frattempo mettere a bollire l’acqua e poi cuocere le penne. Vanno scolate molto al dente, visto che termineranno la cottura in forno (le ho lasciate solo per cinque dei nove minuti  che solitamente servono), e condite con il sugo.
A questo punto, dopo aver unto con un po’ di olio una pirofila, versare un primo strato di pennette aggiungendo il gorgonzola e la mozzarella tagliati a dadini piuttosto piccoli. Spolverizzare con del parmigiano e coprire con altra pasta. Avendo utilizzato una pirofila piuttosto larga ho fatto solo due strati, in ogni caso la procedura va ripetuta fino a che resterà della pasta.

Coprite con abbondante pangrattato e parmigiano e terminate la cottura in forno già caldo, per  una quindicina di minuti a 180°.
Aspettate un po’ prima di servire in tavola e se avanza un po’ di meglio ancora, il giorno dopo è sempre più buona. Ovviamente le varianti introducibili sono numerose, si può usare del basilico nel sugo o un cucchiaino di panna per creare una salsa rosa. E’ possibile mettere altri formaggi, un po’ di provola o scamorza affumicata non ci stanno affatto male.

Comments

comments

About Andrea Murales 154 Articles
Mi occupo di grafica e web design da un decennio. Da qualche anno mi sono avvicinato al mondo della scrittura online, come web writer e content editor.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.